• Controllo utente in corso...
Guide simili Non ci sono articoli correlati per questo articolo
Speciale Non ci sono articoli correlati per questo articolo

Come pulire l'aquario

come-pulire-l-aquario

Per i pesci d'acqua dolce è fondamentale vivere in un ambiente pulito, perciò, se vuoi che vivano a lungo, dovrai munirti dei prodotti e degli attrezzi appositi e ricordarti le semplici regole di manutenzione dell'acqua che ti illustreremo in questa agevole guida.

Scopri come fare
Difficoltà
  1. Innanzitutto ricordiamo che, se l'acquario è nuovo, prima di pulirlo devi far passare 2-3 mesi dall'installazione, in modo che si stabilizzi l'equilibrio interno. Limitati a nutrire quotidianamente i pesci e a controllare che tutto funzioni. Passati i tre mesi, una volta alla settimana puoi pulire i vetri interni che si sono opacizzati.

  2. Il metodo più semplice è munirti delle apposite spugne con i magneti, così eviterai di svuotare l'acquario: la spugnetta pulente aderisce saldamente alla parete interna e la puoi spostare con un apposito supporto magnetizzato dall'esterno, in modo da non bagnarti neppure le mani. La miglior difesa contro lo sporco nell'acquario sono le piante acquatiche e qualche pesce "mangiatore di alghe". Se le alghe proliferano troppo, puoi ricorrere a un alghicida apposito, che comunque non nuoce alla salute di pesci e piante.

  3. Il cambio dell'acqua è il gesto più importante per la salute dei pesci e va eseguito una o due volte al mese, a seconda delle caratteristiche della vasca. Procedi così: il giorno prima, se usi l'acqua del rubinetto, raccoglila e stabilizzala con un biocondizionatore, un prodotto che, aggiunto all'acqua, neutralizza metalli pesanti e cloro, reintegrando la flora batterica. Se invece usi acqua demineralizzata o osmotica, è già pronta per l'acquario.

  4. Un'ora prima, pulisci i vetri e anche le piante, eliminando le foglioline gialle, quindi lascia depositare lo sporco. Quando cambi l'acqua, con un sifone aspirarifiuti setaccia il fondo dell'acquario in modo da dragare tutta la sporcizia. Misura la chimica dell'acqua con gli appositi reagenti: se è troppo dura, cioè c'è molto calcare, nel cambio usa acqua osmotica; se il ph è troppo basso o alto, regolalo con gli appositi liquidi correttori.

  5. A questo punto, togli circa il 20 o il 30% dell'acqua totale e sostituiscila con quella pulita, a temperatura ambiente. Aspetta 24 ore prima di ricominciare a nutrire i pesci. Una settimana dopo dovrai pulire il filtro (questa pulizia non deve assolutamente corrispondere con il cambio dell'acqua): se è una spugna, risciacquala con l'acqua dell'acquario (mai con quella del rubinetto); se invece è una lana filtrante, sostituiscila.

Approfondimento

Non ci sono articoli correlati per questo articolo

Leggi anche:

Non ci sono articoli correlati per questo articolo

di Dreamer3 22 aprile 2011
Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Come pulire l'aquario...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori
Non ci sono articoli correlati per questo articolo