• Controllo utente in corso...
Guide simili Non ci sono articoli correlati per questo articolo
Speciale Non ci sono articoli correlati per questo articolo

Come potare l'albicocco

come-potare-l-albicocco

Adesso carissimi lettori vedremo come adoperarsi per poter riuscire nella potatura dell'albero di albicocche. Come per tutte le altre potature vi guidero', passo passo nella riuscita dell'impresa, cosa per altro non difficile ma che richiede una certa preparazione nell'esecuzione.

Scopri come fare
Difficoltà
  1. Come per il fico anche per l'albicocco la potatura di formazione e' quella che ricopre importanza maggiore.
    Con questo tipo di potatura si conferisce alla pianta l'aspetto futuro, sia dal punto di vista ornamentale che su quello produttivo.
    Il primo intervento prevede un solo taglio.
    Il taglio rimuovera' la parte apicade della pianta.

  2. Questo primo taglio lo si eseguira' ad un'altezza che varia dai cinquanta al metro e mezzo d'altezza.
    Dal taglio eseguito nella stagione invernale spunteranno un certo numero di nuovi rami.
    Su tutti i rami che spunteranno se ne conserveranno solo due/quattro e li si tagliera' ad una lunghezza oscillabile dai venti ai trenta centimetri.

  3. Tutti gli altri veranno asportati alla base.
    Con le sucessive vegetazioni per ogni ramo ci si ricomportera' come abbiamo appena visto, se ne lasceranno due/quattro di lunghezza dai venti a i trenta centimetri, mentre gli altri si elimineranno alla base, il tutto lo si eseguira' per tre/quattro anni.
    Una volta che lo scheletro della pianta e' formato potra' iniziare la potatura di produzione.

  4. Con questo tipo di potatura si provvede ad eliminare i rami secchi, spezzati o malati, quindi si mira a mantenere in ordine la chioma dell'albero.
    IMPORTANTE gli interventi di potatura sull'albero risultano essere di difficile cicatrizzazione e molto stressanti per la pianta.
    Dato che l'albicocco ha stagioni alterni di frutti (infatti ci sono anni in cui i fiori sono maggiori ed anni in cui sono minori) bisognera' effettuare un'intervento piu' deciso negli anni di magra.

  5. Per i periodi di potatura a secco si consiglia quello invernale in quanto i rami sono attraversati da minore linfa e cosi' la pianta si potra' preparare poi per germogliare in primavera.
    Per la potatura estiva limitatamente ad arieggiare la chioma la si eseguira' verso giugno.
    Ricordarsi sempre di trattare i tagli significativi con mastice cicatrizzante.

Approfondimento

Non ci sono articoli correlati per questo articolo

Leggi anche:

Non ci sono articoli correlati per questo articolo

di Vincenzo70 10 marzo 2011
Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Come potare l'albicocco...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori
Non ci sono articoli correlati per questo articolo